Amarone Villa Canestrari - Amore a prima vista

Amarone Villa Canestrari - Amore a prima vista

Cari wine lovers, dopo molti anni di ricerche, finalmente lo abbiamo trovato. Il sapore superiore di un’uva squisita un prezzo ragionevole! Sì, sto parlando dell’Amarone della Valpolicella 2010 di Villa Canestrari. In passato abbiamo già assaggiato molti amaroni a buon prezzo, ma mancavano spesso della complessità e della opulenza che caratterizzano un vero amarone, avevamo anche assaggiato molti amaroni eccellenti e degni di questo nome, ma spesso con prezzi al di sopra i 50 euro. Però dopo tanti sforzi, le nostre ricerche hanno finalmente dato i loro frutti. Eccolo: l’Amarone “A” 2010 di Villa Canestrari. Un Amarone ricco, complesso e con tutta la carica che un Amarone deve avere, ma a meno di 30 Euro!

Prima di parlarvi un po’ di più di questo vino, lasciatemi presentare un po’ meglio l’amarone in generale e spiegare cosa lo rende così speciale.

Che cosa rende il vino Amarone così costoso?

È comunemente noto nel mondo del vino, che il vino Amarone appartiene a una categoria di prezzo elevata (da 40 € in su).

Il vino Amarone è di solito realizzato con tre varietà di uva, vale a dire Corvina, Rondinella e Molinara. Sono coltivati ​​nella Regione Valpolicella, situata a nord-ovest della bellissima città di Verona e rappresenta il secondo più grande produttore di vini DOC. Infatti, questa particolare regione produce 5 diversi tipi di vino: Valpolicella Classico, Valpolicella Superiore, Valpolicella Superiore Ripasso, Amarone della Valpolicella e Recioto della Valpolicella, vino dessert. Secondo il trattamento delle uve, la loro maturità e il loro gusto, si potrebbe immaginare una piramide che va da Valpolicella Classico a Amarone. In questo caso, Amarone della Valpolicella si trova al vertice della piramide, il che significa che le uve, dopo essere state raccolte, partono per un viaggio molto più lungo.

La maggior parte delle cantine seleziona i loro vitigni più antichi per produrre l’Amarone. Le uve vengono solitamente raccolte all’inizio del mese di ottobre e lasciate a seccare durante l'inverno, per circa 3-4 mesi. Durante questo periodo, le uve si trasformano in uva passa con una alta concentrazione di gusti e di zucchero. Successivamente, vengono lentamente pressate e fermentate per un lungo periodo, che può variare da 35 a 50 giorni. Prima di essere liberato, il vino è invecchiato almeno altri 2 anni. Per essere etichettato "Riserva", il vino Amarone deve subire un periodo di invecchiamento di 4 o 5 anni.

Come si può vedere, la quantità di frutta necessaria, il tempo, lo spazio e la pazienza investita, spiega perché i vini Amarone della Valpolicella sono così costosi, ma il risultato in genere ripaga ampiamente questi sforzi.

E ora scopriamo assieme l’Amarone 2010 di Villa Canestrari

La storia inizia nel 1888, quando Carlo Bonuzzi, proprietario di molti vigneti in Val d'Illasi, ha iniziato l'imbottigliamento e la vendita del suo vino. Quando le famiglie Bonuzzi e Franchi unirono la loro conoscenza nel 1990, "Villa Canestrari" è nata ufficialmente. I vigneti di Villa Canestrari si trovano nella Valle Illasi, nella provincia di Verona. Grazie al terreno calcareo della Valpolicella e quello vulcanico della Soave, sono in grado di produrre entrambi i vini. La famiglia sperimenta costantemente varie uve locali per produrre vini ancora migliori. Il loro Amarone della Valpolicella DOC Riserva "1888" 2009 ha anche vinto la Medaglia d'Oro al Concorso Internazionale di Vino e Spiriti nel 2016. Inoltre producono quello che è diventato il mio Amarone preferito ovvero: “A” Amarone della Valpolicella DOCG 2010, realizzato con uve Corvina, Corvinone, Rondinella, Oseleta e Croatina. Le uve Sono essiccate per 90-120 giorni e dopo la fermentazione vengono ancora affinate per 18 mesi in piccoli barili di rovere e 8 mesi in bottiglia.

Ho scoperto questo vino grazie ad un amico che mi ha mandato questa bottiglia e ho avuto l'onore di provarlo in un sabato tranquillo, mentre stavo godendo il sole di primavera sul mio balcone. Un delizioso risotto con tartufo fresco mi stava aspettando e non avrei potuto desiderare una migliore combinazione; da quel giorno è diventato parte integrante dell’assortimento di FineBarrel.com

Ringrazio il mio amico che mi ha fatto scoprire questo vino incredibile e se condividi la mia passione per vini di alta qualità, devi assolutamente provarlo.

Share this post

Comments (0)

No comments at this moment

New comment